Pianificazione

Pianificazione



Pianificazione


Pianificazione : quadro riassuntivo


Problemistica : quadro complessivo

 


 

Pianificazione  (^)


 


 

Pianificazione  (^)


Definizione

Pianificazione è il processo di messa in scena.

In Problemistica, il processo di Pianificazione concerne il mettere in scena (preparare, eseguire) Azioni.

Pianificare è l'arte e la tecnica di Agire sul Problema [Problem Acting].


Funzione

La funzione generale della Pianificazione è finalizzata allo sviluppo della Salute come messa in opera di attrezzature e ambienti appropriati e salubri

La funzione specifica è di preparare ed eseguire Azioni concernenti il Problema, vale a dire Agire sul Problema.


Caratteristiche

La Pianificazione concerne la selezione di vie (modi) di utilizzazione di risorse (mezzi) limitate per il raggiungimento di mete (fini) desiderate.


Nota

Questa dinamica modi-mezzi-fini va vista come un processo ininterrotto, sotto continuo monitoraggio nel tempo e nello spazio.

Un processo monitorato richiede un controllo permanente e flessibile attraverso retro-azioni  (feedback) e pre-azioni (feedforward).


Requisiti

La Pianificazione dovrebbe essere:

- integrale (avente una prospettiva globale)

- participatoria (facilitante comunicazione e scelte)

- dinamica (flessibile e continuamente attenta alle trasformazioni)


Fasi

Per ragioni analitiche il processo di Pianificazione viene raffigurato come composto da tre fasi interconnesse:

  • Plasmare (elaborare l'azione)

  • Gestire (effettuare l'azione)

  • Monitorare (estimare l'azione)


Il nocciolo di ogni fase e dell'intero processo è la messa in scena e la esecuzione dell'Azione.



Azione  (^)


Definizione

Una azione consiste nella formulazione pratica e nella attuazione di una realtà desiderata.

Le Azioni sono composte da atti e danno vita ad attività.


Analisi della Definizione

- Atti = unità di base del comportamento

- Azioni = una serie integrata di atti

- Attività = una serie integrata di azioni


Nota

Comportamento vuol dire atti sotto osservazione.


Aspetti

Le Azioni sono caratterizzate da un amalgama produttivo di mezzi/modi/fini.


Requisiti

Con riferimento a mezzi, modi, fini, le Azioni devono rispondere ai seguenti requisiti:

- coerenza mezzi/modi/fini (rilievo dato agli aspetti qualitativi)

  (ad es. corrispondenza tra il tipo di risorse impiegate e il tipo di fini raggiunti)

- compatibilità mezzi/modi/fini (rilievo dato agli aspetti quantitativi)

  (ad es. corrispondenza tra l'ammontare di risorse impiegate e il livello dei fini raggiunti)


Risultati

Il prodotto di una azione è un risultato.

I risultati possono essere :

- probabili : più probabile - meno probabile

- possibili : più fattibile - meno fattibile

- preferibili : più desiderabile - meno desiderabile.


Risultati voluti/perseguiti sono chiamati Mete [Goals].


Nota

In Problemistica, le Azioni mirano alla eliminazione del Problema attraverso l'Agire sul Problema.



Agire sul Problema  (^)


Definizione

Agire sul Problema [Problem Acting] consiste nel processo di mettere in scena Azioni miranti alla eliminazione del Problema.


Funzione

La funzione di Agire sul Problema consiste nell'attuare una Soluzione proposta nei confronti di un Problema precedentemente chiarificato.

Il primo passo per la messa in scena dell'azione è Plasmare.

 


 

Plasmare  (^)


 


 

Plasmare  (^)


Definizione

Plasmare è lo stadio di elaborazione dell'Azione.


Fasi

Plasmare è composto da tre aspetti:

  • Anticipare il Futuro (esplorare le possibilità)

  • Formulare le Mete (selezionare le preferenze)

  • Prendere le Decisioni (operationalizzare le scelte)

 


 

Anticipare il Futuro


 


 

Anticipare il Futuro  (^)


Definizione

Anticipare il Futuro consiste nella esplorazione di probabilità/possibilità (Prevedere) e nella attuazione di possibilità/preferibilità (Prevenire-Provvedere).


Analisi della Definizione

- Probabilità : cosa è probabile che accada

- Possibilità : cosa è possibile far accadere

- Preferibilità : cosa è desiderabile che accada



Prevedere


Definizione

Prevedere è analizzare eventi passati-presenti al fine di individuare eventualità presenti-future.


Tecniche

La Previsione [Forecasting] può essere effettuata basandosi su varie tecniche, ad esempio:

- Estrapolazione delle Tendenze [Trend Extrapolation]

- Stesura di Scenari [Scenario Writing]

- Tecnica dell'Oracolo di Delfi [Delphi]



Prevenire-Provvedere


Definizione

Prevenire-Provvedere [Futurecasting] consiste in una riflessione su eventi passati-presenti al fine di indirizzare Azioni nel presente-futuro.


Tecniche

Non esistono tecniche specifiche per Prevenire-Provvedere su larga scala se non:

- una chiara esplicitazione di una Proposta per il Futuro [Proposed Future]

- un tenace perseguimento di un Futuro Voluto [Willed Future]



Prevedere-Prevenire-Provvedere


Distinzione

- Prevedere : attività di tipo esplorativo (possibile-probabile)

- Prevenire-Provvedere : attività di tipo normativo ed esecutivo (praticabile-preferibile)


Nota

Per un approfondimento del tema si veda Strumenti del Corso: Anticipazione.


Prevedere, Prevenire e Provvedere assistono e conducono alla Formulazione di Mete.

 


 

Formulare le Mete


 


 

Formulare le Mete  (^)


Definizione

Formulare Mete consiste nell'esprimere Bisogni, Valori, Norme come Mete da raggiungere.


Funzione

La funzione di Formulare Mete è quella di presentare le Mete come:

- Obiettivi da perseguire nell'attività gestionale (effettuazione dell'azione)

- Risultati da monitorare nell'attività di estimazione (valutazione dell'azione)



Mete


Definizione

Le Mete sono il risultato voluto di Decisioni e di Azioni.

Nell'Affrontare Problemi, le Mete possono essere viste come Bisogni, Valori, Norme espresse in forma operativa e che inducono a prendere Decisioni e ad eseguire Azioni.


Decisioni ed Azioni riguardano:

- la soddisfazione di Bisogni

- l'affermazione di Valori

- l'attivazione di Norme


Classificazione

Le Mete possono essere classificate in base a:

Categoria

 

Qualificazione

 

Tempo

iniziale

(preparazione)

intermedia

(esecuzione)

terminale

(completamento)

Spazio

   locale 

(specifica)

inter-locale

(ampia)

globale

(generale)

Ruolo

strumentale

(rilievo sui mezzi)


-

finale

(rilievo sui fini)

Rango

primaria

(principale)

secondaria

(sussidiaria)

collaterale

(addizionale)


Caratteristiche

Una serie di Mete può presentare le seguenti interrelazioni:

- antinomia (opposizione)

- rivalità (competizione)

- neutralità (indifferenza)

- compatibilità (associazione possibile)

- sinergia (associazione favorevole)


Nota

La Formulazione di Mete porta alla Presa di Decisioni.

 


 

Prendere le Decisioni


 


 

Prendere le Decisioni  (^)


Definizione

Prendere Decisioni è il processo di effettuare scelte tra Mezzi - Modi - Fini alternativi di Azione.

Le scelte sono le Decisioni.



Decisioni


Definizione

Le Decisioni sono le scelte tra Mezzi - Modi - Fini della Azione, concernenti un Problema e l'attuazione della sua Soluzione.


Classificazione

Le Decisioni possono essere classificate, in relazione al Problema e alla sua Soluzione, in base a:

- Natura del Problema

  problema ripetitivo/di routine = decisione programmata

  problema inatteso/non strutturato = decisione non programmata

- Tipo di Problema

   problema mal definibile = decisione euristica

   problema ben definibile = decisione algoritmica

- Tempo/Spazio del Problema

   lunga portata - raggio vasto = decisione strategica

   breve portata - raggio ristretto = decisione tattica


Requisiti

Le Decisioni hanno certi requisiti relativi a:

- Attori : le decisioni, in linea di massima, dovrebbero essere prese, attuate, accettate (liberamente e

volontariamente) dagli stessi soggetti che ne sono interessati.

- Informazione : le decisioni dovrebbero essere basate sul padroneggiamento dei necessari dati, fatti,

concetti.

- Tempo-Spazio : le decisioni dovrebbero essere prese in e dovrebbero riguardare un tempo e uno spazio appropriati.

- Varietà : il tipo e il raggio di (possibili) decisioni dovrebbe armonizzarsi con il tipo e raggio di

(possibili) situazioni, a significare che una varietà di situazioni dovrebbe rendere possibile una varietà di decisioni.

 


 

Plasmare : sommario  (^)


Plasmare è il processo di:

- Anticipare il Futuro

- Formulare le Mete

- Prendere le Decisioni

Vari metodi sono impiegati durante il processo del Plasmare.


Il ruolo di Plasmare è di elaborare l'Azione che verrà attuata durante la successiva fase della Pianificazione che è quella del Gestire.

 


 

Gestire  (^)


 


 

Gestire  (^)


Definizione

Gestire [Managing] è il processo consistente nel promuovere ed eseguire Azioni per attuare Decisioni concernenti Soluzioni.


Fasi

Gestire comprende i seguenti aspetti:

- Comunicare

- Coordinare

- Cooperare

 


 

Comunicare


 


 

Comunicare  (^)


Definizione

Nell'ambito della Pianificazione, Comunicare è scambiare (inviare-ricevere) Messaggi necessari per Gestire.


Aspetti

Il flusso di Messaggi deriva e concerne l'Esaminare e Inventoriare continuo dei Mezzi, Modi, Fini dell'Azione.



Esaminare


Definizione

Esaminare [Surveying], nel senso di fare ricognizioni, consiste nell'ispezionare/analizzare tipo e ammontare di risorse (mezzi) disponibili in relazione alle mete selezionate (finalità), avendo cura di identificare le maniere (modi) più appropriate per eseguire l'Azione.


Nota

Esaminare conduce a Inventoriare.



Inventoriare


Definizione

Inventoriare consiste nell'elencare quanto emerge dall'Esaminare al fine di fornire a coloro che agiscono Informazioni aggiornate concernenti Mezzi, Modi e Fini dell'Azione.


Nota

Esaminare e Inventoriare sono aspetti del Comunicare e punti di passaggio per il Coordinare.

 


 

Coordinare


 


 

Coordinare  (^)


Definizione

Coordinare consiste nella allocazione/utilizzazione appropriata (nello Spazio e nel Tempo) di Mezzi e Modi dell'Azione in relazione ai Fini.


Aspetti

Coordinare conduce a :

- Fare il Bilancio [Budgeting]

- Fare il Programma.[Scheduling]



Fare il Bilancio

Definizione

Fare il Bilancio vuol dire Coordinare, in termini materiali, Modi - Mezzi - Fini dell'Azione.


Funzione

La funzione di Fare il Bilancio è di prospettare maniere (modi) ottimizzanti/soddisfacenti di allocare risorse (mezzi) per raggiungere determinati obiettivi (fini).



Fare il Programma


Definizione

Fare il Programma consiste nel Coordinare nel tempo e nello spazio Mezzi - Modi - Fini dell'Azione avendo cura che compiti [tasks] vengano eseguiti in un certo momento o all'interno di un certo periodo, in spazi più o meno precisamente delimitati, per poter raggiungere obiettivi prefissati.


Nota

Fare il Bilancio e Fare il Programma, come parti del Coordinare, sono i punti di passaggio per il Cooperare.

 


 

Cooperare


 


 

Cooperare  (^)


Definizione

Cooperare è lo stadio che, sulla base del Comunicare e Coordinare, mira a riunire, in termini operativi, Mezzi - Modi - Fini dell'Azione.


Aspetti

Cooperare risulta nel:

- Preparare

- Eseguire



Preparare


Definizione

Preparare consiste nel provvedere e ottemperare a tutte le condizioni preliminari richieste per Eseguire [Performing].


Funzione

La funzione di Preparare è di avere persone e strumenti pronti per l'Azione al momento giusto e al posto giusto.



Eseguire


Definizione

Eseguire è dar vita ad operazioni concernenti Mezzi e Modi preparati in anticipo al fine di raggiungere Fini precedentemente fissati.

 


 

Gestire : sommario  (^)


Gestire è il processo di:

- Comunicare

- Coordinare

- Cooperare

per promuovere e portare a compimento Azioni.


Gestire richiede una valutazione continua dell'Azione stessa al fine di accertare la sua efficacia (rispetto ai fini) ed efficienza (rispetto ai mezzi - modi).


Nota

Per un approfondimento del tema si veda Strumenti del Corso: Attuazione.

La valutazione del Gestire (come del precedente stadio del Plasmare) sono condotti attraverso il Monitorare.

 


 

Monitorare  (^)


 


 

Monitorare  (^)


Definizione

Monitorare consiste in una continua valutazione dell'Azione (durante il Plasmare e il Gestire) al fine di accertarne l'efficacia e l'efficienza.


Analisi della Definizione

- Efficacia = azione appropriata in relazione ai fini (cioè, raggiungere gli obiettivi prefissi)

- Efficienza = azione appropriata in relazione ai mezzi e modi (cioè, usando i mezzi più adatti nel modo migliore)


Fasi

Monitorare comprende i seguenti aspetti:

- Registrare

- Valutare

- Riesaminare

 


 

Registrare  (^)


Definizione

Registrare consiste nel tenere accuratamente traccia delle trasformazioni (operazioni, combinazioni) riguardanti la situazione.


Strumenti

Un supporto di base per la registrazione è rappresentato da un Registro [Log-Book] elettronico o manuale con relativi strumenti.

 


 

Valutare


 


 

Valutare  (^)


Definizione

Valutare è vagliare l'Azione in relazione ai risultati raggiunti (fini), alle risorse utilizzate (mezzi), alle modalità impiegate (modi).


Nota

Un aspetto importante del valutare consiste nel vagliare gli effetti di lunga durata di una Azione in presenza di Varietà (nelle o delle situazioni).



Varietà


Definizione

Varietà è il tipo e livello di complessità/semplicità di una situazione.


Nota sulla Varietà Necessaria

Le Situazioni attraversano continue trasformazioni in direzione di una loro semplificazione o complessificazione. In generale:

- la complessità richiede una attenuazione della varietà (ad es. standardizzazione)

- la semplicità consente un ampliamento della varietà (ad es. personalizzazione).


Ogni situazione richiede un tipo e livello di Varietà Necessaria [Requisite Variety], vale a dire un  equilibrio accettabile ed appropriato tra semplicità e complessità.

Un equilibrio viene conseguito quando la varietà di situazioni possibili/reali si accorda con la versatilità di operazioni possibili/reali. (vedi Nota in : Versatilità)



Versatilità


Definizione

Versatilità è la capacità (efficacia-efficienza) e flessibilità delle Azioni in risposta alla Varietà nelle/delle situazioni.


Nota

Tutte le situazioni attraversano un processo di trasformazione permanente che richiede un Riesame continuo.

Un intervento di regolazione (in quanto parte del Riesame della situazione) può essere realizzato solo se alla varietà nelle situazioni si accoppia una versatilità (capacità e flessibilità) nel rispondere alle situazioni.

 


 

Riesaminare


 


 

Riesaminare  (^)


Definizione

Riesaminare [Reviewing] consiste nell'intervenire sulla situazione secondo i risultati dello fase di Valutazione [Rating].


Risultati

I possibili risultati della Valutazione, per quanto riguarda l'Azione, possono portare a:

- Rinnovare   (estendere l'azione nel tempo e nello spazio)

- Rivedere     (modificare/aggiornare l'azione)

- Revocare    (cancellare/annullare l'azione)


Funzione

La funzione del Riesaminare consiste nel fornire delle verifiche sulla efficacia e efficienza dell'Azione.

Queste verifiche si riflettono sull'Azione attraverso una dinamica di Retro-azioni [Feedback] e di Pre-azioni [Feedforward].


Nota

- Retro-azioni = reazioni derivanti da cambiamenti non voluti nella situazione.

- Pre-azioni    = azioni preventive per effettuare un cambiamento desiderato nella situazione.

                        



Retro-azione


Definizione

Una Retro-azione [Feedback] è la rettifica di una situazione in risposta ad Informazioni concernente il suo stato attuale e in relazione a Decisioni concernenti il suo stato preferito.

La rettifica (Azione) si trasforma in nuova Informazione per nuove Decisioni, in un processo senza fine di correzioni e di aggiustamenti.


Classificazione

Le Retro-azioni possono essere classificate in due categorie:

Categoria

Qualificazione

Positiva

Una retro-azione positiva rinforza il cambiamento nella stessa direzione fino a quando si raggiunge la condizione preferita

(funzione : amplificazione/rafforzamento del cambiamento)

Negativa

Una retro-azione negativa capovolge la direzione del cambiamento fino a quando si ritorna alla condizione preferita

(funzione : restrizione/correzione del cambiamento)



Pre-azione


Definizione

Una Pre-azione [Feedforward] consiste nella rettifica di una situazione (attraverso una Azione preventiva) in risposta ad una Previsione concernente il suo stato futuro probabile e in relazione a Decisioni riguardo il suo stato futuro preferibile.

 


 

Monitorare : sommario  (^)


Monitorare è il processo di:

- Registrare

- Valutare

- Riesaminare

mezzi, modi, fini dell'Azione.


Monitorare è un processo permanente che non si conclude mai perché il cambiamento delle situazioni non si arresta mai.

Monitorare ci avvisa quando una nuova Azione deve essere posta in essere, rimettendo così in moto il processo senza fine della Pianificazione.

 


 

Pianificazione : quadro riassuntivo  (^)


La Pianificazione è l'Agire sul Problema [Problem Acting], cioè intervenire sul Problema attraverso l'attuazione della sua Soluzione per mezzo dell'Azione.


Durante il processo di Pianificazione può sorgere l'esigenza di:

- una migliore definizione o ridefinizione del Problema o

- una migliore formulazione o una totale riformulazione della Soluzione

in quanto nuove situazioni (dati), combinazioni (idee), operazioni (opportunità) sono emerse (ad es. nuovi problemi, nuove soluzioni).


Queste esigenze riconducono a Trovare il Problema (Ricerca) o a Trovare la Soluzione (Progettazione) e così a riprendere/ripercorrere l'intero processo dinamico di Problemistica (Problem Dealing).

 


 

Problemistica : quadro complessivo  (^)


Problemistica [Problem Dealing] è il processo permanente di vita che confronta e coinvolge qualsiasi essere umano (singolo, in gruppo) nelle varie Sfere dell'esistenza (Biosfera, Sociosfera, Tecnosfera) e nel corso del quale l'essere umano e le comunità producono e sviluppano una condizione dinamica di Benessere [Well-Being].